Parità di trattamento per tutti

La Svizzera, paese moderno, fiera terra di diritti civili: ma ancora oggi non tutte le persone maggiorenni godono degli stessi diritti e doveri! È una situazione inaccettabile che deve essere cambiata al più presto!

Legislazione vigente con integrazioni

Ultimo cambiamento del gruppo coordinamento politica LGBTI:   2.05.2011

Dei reati contro la vita e l’integrità della persona

Art. 123 Codice penale

Lesioni semplici

1. Chiunque intenzionalmente cagiona un danno in altro modo al corpo od alla salute di una persona, è punito, a querela di parte, con una pena detentiva sino a tre anni o con una pena pecuniaria.

Nei casi poco gravi il giudice può attenuare la pena (art. 48a).

2. La pena è una pena detentiva sino a tre anni o una pena pecuniaria e il colpevole è perseguito d’ufficio,

se egli ha fatto uso di veleno, di un’arma o di un oggetto pericoloso,

se egli ha agito contro una persona incapace di difendersi o contro una persona, segnatamente un fanciullo, della quale aveva la custodia o doveva aver cura,

se egli è il coniuge della vittima e ha agito durante il matrimonio o nell’anno successivo al divorzio,

se egli è il partner registrato o l’ex partner registrato della vittima e ha agito durante l’unione domestica registrata o nell’anno successivo al suo scioglimento,

se egli è il partner eterosessuale o omosessuale della vittima, a condizione che essi vivevano in comunione domestica per un tempo indeterminato e l’atto sia stato commesso durante questo tempo o nell’anno successivo alla separazione,

se egli agisce per odio nei confronti di una persona o di un gruppo a causa dell'origine, della razza, del sesso, dell'età, della lingua, della posizione sociale, del modo di vita e segnatamentte dell'orientamento e dell'identità sessuali, delle convinzioni religiose, filosofiche o politiche, oppure di una menomazione fisica, mentale o psichica.

Commenti sulle proposte di integrazione

Molti autori di reati presuppongono che se ledono una persona omosessuale, questa si vergognerà e non oserà rivolgersi alla polizia, evitando così di essere querelati.

L'integrazione proposta permetterebbe di dare sanzioni più elevate e agli autori di lesioni semplici, che sarebbero perseguibili d'ufficio, se agiscono per odio contro uno dei gruppi protetti.

Non verrebbe creata una nuova disposizione, ma si renderebbero attenti i potenziali autori di reati del rischio di essere perseguiti e di vedersi comminata una pena aggravata, poco importa che tentino di intimidire la vittima per sfuggire a una querela.

Confederazione Svizzera

La legge attualmente in vigore >>

Rapport de ZHAW: «Concernant la situation légale des personnes homosexuelles» PDF